Molte persone in Italia non conoscono ancora o non usufruiscono dei vantaggi legati alla sottoscrizione ad una copertura assicurativa sanitaria integrata. Questa forma assicurativa permette di recuperare, totalmente o parzialmente, le spese relative a visite mediche, interventi e cure di vario genere, sostenute presso strutture convenzionate con le compagnie assicurative.

Sei una Guardia Giurata iscritta al FASIV? Il diritto ai rimborsi delle spese mediche spetta anche a te!

Il Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa Vigilanza (FASIV) è il fondo che eroga prestazioni sanitarie a favore dei lavoratori dipendenti di istituti di vigilanza privata e servizi fiduciari. A partire da febbraio 2018 è possibile richiedere i rimborsi delle prestazioni mediche previste dal nuovo piano sanitario in maniera semplice e veloce. Come? Andando sul sito ufficiale del FASIV e cliccando su Rimborsi On Line. Registrati e nella tua area riservata potrai inserire la tua richiesta di rimborso.

Richieste di rimborso on line e non solo

È operativo il nuovo piano sanitario, caratterizzato dalla duplice modalità di rimborso, diretta e indiretta per il tramite di convenzione con UNISALUTE. Il nuovo piano sanitario prevede il passaggio in autogestione al FASIV dei rimborsi di tutti i ticket sostenuti nell’ambito del sistema sanitario nazionale. Rimangono in carico al FASIV il rimborso delle spese sostenute per la maternità e le spese di vitto e alloggio sostenute in caso di gravi interventi, nei primi 5 anni di vita, di figli di lavoratori iscritti al Fondo.

Rispetto alla modalità di rimborso indiretto per il tramite della convenzione con UNISALUTE, il piano sanitario è stato arricchito ed aggiornato con il riconoscimento di tutte le tecniche operatorie/chirurgiche, compreso il Day surgey e la chirurgia ambulatoriale. Inoltre sono state aggiunte importanti prestazioni di alta specializzazione, diagnostica per immagini e l’aggiornamento delle prestazioni di endoscopia, neurochirurgia, oculistica, urologia e ortopedia. Particolare attenzione è stata data ai pacchetti di prevenzione cardiologica e oncologica, sia maschile che femminile, consentendola ogni anno e non più ogni due con l’aggiunta di esami particolari come i marcatori tumorali.